ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto, $ 200 milioni da paesi arabi ma il Pakistan chiede maggiori aiuti

Lettura in corso:

Terremoto, $ 200 milioni da paesi arabi ma il Pakistan chiede maggiori aiuti

Dimensioni di testo Aa Aa

Un bambino estratto vivo dalle macerie a Islamabad. Sono passate 60 ore dal terremoto che ha fatto probabilmente 40.000 morti: a spingere il piccolo nelle mani dei soccorritori è stata la mamma, poi anche lei tratta in salvo.

Avviene sulle rovine delle Margala Towers, il complesso residenziale dove sono dati per dispersi anche l’italiano Andrea Bonanni e altri stranieri. Il ritrovamento ha dato nuove speranze alle squadre di soccorso. Nel Kashmir pakistano, si scava cercando gli alunni o i maestri sepolti al crollo della loro scuola. Alle richieste del Pakistan, dopo il silenzio dei primi giorni il mondo arabo ha cominciato a rispondere. Il Kuweit e gli Emirati Arabi Uniti l’hanno fatto in grande stile promettendo 100 milioni di dollari ciascuno per gli aiuti d’emergenza e la ricostruzione. Malgrado l’esempio dei due stati, si respira aria di delusione – in tempo di ramadan – per la risposta degli altri paesi islamici. Gli Stati Uniti hanno offerto 50 milioni di dollari e l’invio di elicotteri. A Muzaffarabad, dove buona parte della popolazione è ormai a corto di viveri, la polizia ieri è intervenuta sparando in aria per cacciare saccheggiatori che, dopo aver malmenato i guardiani, tentavano di prelevare cibo da un magazzino di stato.