ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto in Pakistan, cominciano ad arrivare gli aiuti internazionali

Lettura in corso:

Terremoto in Pakistan, cominciano ad arrivare gli aiuti internazionali

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli elicotteri statunitensi trasferiti dall’Afghanistan hanno cominciato a fare la spola e a trasportare feriti. Dall’alto diviene più chiara la catastrofe: villaggi distrutti, strade franate. E gente che vaga in cerca di aiuto.

Il terremoto di sabato, una magnitudo di 7,6 gradi, ha colpito duramente il Kashmir, la regione di confine tra Pakistan e India, concentrando qui la maggior parte dei danni e delle vittime. Dopo l’appello delle autorità di Islamabad, molti paesi hanno risposto inviando mezzi e uomini: oltre agli elicotteri statunitensi sono arrivati i tecnici giapponesi e si attendono le squadre tedesche. Intanto si risponde come è possibile al bisogno di generi di prima necessità. Mentre i pompieri britannici scavano a Islamabad, si attende l’arrivo anche degli aiuti italiani, coordinati dalle Organizzazioni non governative che operano in Pakistan. Dall’aeroporto di Brindisi è partito un cargo carico di tende, acqua potabile, coperte, generatori di elettricità e cucine da campo. Il governo pakistano ha anche avanzato una richiesta di assistenza alla Nato, che oggi ha riunito sul punto il Consiglio Atlantico. La decisione formale dell’invio di elicotteri da trasporto e da salvataggio e kit di pronto soccorso verrà adottata martedi.