ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Angie: una donna che ha saputo aspettare il suo momento

Lettura in corso:

Angie: una donna che ha saputo aspettare il suo momento

Dimensioni di testo Aa Aa

Ha fatto una bella collezione di soprannomi Angela Merkel. Da Angie alla Margaret Tatcher d’Oltre Reno, da madre coraggio a ragazza. La ragazza in realtà è cresciuta, in 15 anni ha bruciato le tappe, diventando la prima donna della storia tedesca a dirigere il paese.Nata nell’ex Germania Occidentale, a Amburgo nel 1954, è piccolissima quando suo padre, un pastore protestante, decide di trasferirsi con la famiglia nell’est. Dove è cresciuta.

Laureata in fisica, intraprende la carriera universitaria. A spingerla in politica saranno gli eventi del 1989. Nel 1990 diventa portavoce di Lothar de Maiziére, capo del governo del primo e ultimo esecutivo democratico di una Germania dell’est ormai moribonda. In pieno processo di riunificazione, la sua volontà di ferro e la sua determinazione è notata da Helmut Kohl che le affida il ministero della Famiglia e della Gioventù. Timida e discreta dà l’idea di un alunna disciplinata nelle mani del suo professore. La stampa la soprannomina “la ragazzina di Kohl”. In realtà la giovane ha ambizione da vendere. Silenziosa impara e fa esperienza in attesa del suo momento. In molti l’accusano di opportunismo. Diventa ministro dell’Ambiente nel 1994 e da questo e altri incarichi, che lei stessa definisce minori, dice di aver imparato le regole del gioco. Cinque anni dopo, scoppiato lo scandalo dei fondi neri della Cdu, è la prima persona a voltare le spalle al suo mentore.Ne esce pulita e nel 2000 diventa la nuova leader dei conservatori. Il partito ritiene però che i tempi non siano ancora maturi per lei. Sarà Edmund Stoiber a correre per la cancelleria e a portare la Cdu alla débacle. La strada per Angie si fa in discesa. Diventerà una dei protagonisti della politica tedesca. Il suo stile sobrio appare a molti freddo. Dall’eloquio conciso e dal ragionamento analitico, ha sempre detto di infischiarsene delle mode. Della sua vita privata non filtra quasi niente. Sposata in seconde nozze con un professore di chimica, li si vede insime una sola volta all’anno, in occasione del festival di Bayreuth.