ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sino a trentamila le vittime del terremoto nel subcontinente indiano

Lettura in corso:

Sino a trentamila le vittime del terremoto nel subcontinente indiano

Dimensioni di testo Aa Aa

19mila morti. O forse 30mila. I numeri divergono sulle vittime causate dal terremoto di ieri mattina nel subcontinente indiano. Il ministro degli interni pachistano, che ha diffuso la cifra più bassa, avrebbe tenuto conto solo dei distretti del Cachemire, il pìù colpito ma solo parte del territorio che ieri alle 8.50 ha tremato in India, Afghanistan e Pakistan.

Un’ora in cui gli scolari sono già in classe. E proprio i bambini sembrano costituire la metà delle vittime: migliaia sono rimasti prigionieri sotto le macerie. “Li sentivamo gridare, hanno raccontato i soccorritori, impossibile salvarli tutti.” I feriti sono decine di migliaia. Per il Pakistan, il paese più duramente colpito, questa è la peggiore catastrofe naturale della sua storia. L’epicentro del sisma è stato individuato proprio sulla linea di confine che separa il Cashmire pakistano da quello indiano, presidiato da migliaia di uomini. Le vittime tra i militari di stanza nella zona si contano a centinaia. A piangere il maggior numero di morti sarà proprio il Cachmire pachistano, in particolare il distretto di Bagh, dove si trova la capitale: in alcuni villaggi non è sopravvissuto nessuno, testimoni riferiscono di chilometri e chilometri di macerie. La capitale Muzaffarabad, una città che contava 120mila abitanti, è completamente tagliata fuori dal mondo: interrrotte le vie di comunicazione, oltre alle linee telefoniche ed elettriche. Le operazioni di soccorso sono rallentate anche dal fatto che in alcune zone la polizia ha perso la metà dei suoi effettivi, feriti o morti. Distrutte le strutture sanitarie, perdute le ambulanze, inagibili ponti e strade, i feriti vengono spesso trasportati a mano, e accolti in ospedali da campo improvvisati nel parco cittadino. Il Cachmire pachistano aveva due milioni e mezzo di abitanti: più della metà ha subito le conseguenze del sisma.