ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Immigrazione, Msf accusa: il Marocco deporta i clandestini nel deserto

Lettura in corso:

Immigrazione, Msf accusa: il Marocco deporta i clandestini nel deserto

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno cinquecento clandestini abbandonati dall’esercito marocchino nel deserto: è la denuncia di Medici senza Frontiere, appoggiata anche da Amnesty International.

Secondo le organizzazioni umanitarie, centinaia di subsahariani sarebbero stati deportati in una zona desertica, dove scarseggiano acqua e viveri. Molti sarebbero i feriti, donne in cinta e bambini. E molti cercherebbero di ritornare a piedi verso il nord. Poco lontano da Melilla, la notizia spaventa: “700 chilometri a piedi per arrivare qui e ora ci rimandano indietro”. Secondo le Ong, l’esercito marocchino trasporterebbe queste persone in massa con bus e camion, in una località del sud del paese, al confine algerino. L’allarme di Medici senza frontiere arriva a un giorno dalla prima espuslione decisa da Madrid di una settantina di clandestini. Le autorità spagnole assicurano: il Marocco si è impegnato ad accogliere i clandestini rimpatriati nel rispetto dei diritti umani e della legge. Il ministro degli esteri spagnolo Miguel Angel Moratinos si recherà sul posto lunedì. Bruxelles ha già inviato una missione tecnica a Ceuta e Melilla, la cui relazione verrà discussa nel Consiglio dei Ministri dell’Unione mercoledi.