ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Melilla: nuova ondata di immigranti illegali

Lettura in corso:

Melilla: nuova ondata di immigranti illegali

Dimensioni di testo Aa Aa

In 500 hanno cercato di varcare il confine tra il Marocco e l’enclave spagnoladi Melilla. 65 ce l’hanno fatta e nonostante tagli, lividi ed escoriazioni, potrebbero presto essere trasferiti in Spagna.

La mancanza di accordi di rimpatrio tra Madrid e la maggior parte dei paesi africani, fa sì che una volta oltrepassato il confine, gli immigranti non possano più essere mandati indietro. Quello di stamane è il quarto assalto in una settimana a Melilla e Ceuta, le due città autonome spagnole in territorio marocchino che Rabat reclama da tempo. Il governo spagnolo ha annunciato la possbilità di erigere una terza barriera di filo spinato intorno alle due exclave, Bruxelles invierà invece degli esperti per cercare di risolvere l’emergenza. I residenti di Melilla sono preoccupati: “La città ha già una densità elevata: c‘è troppa gente per una città così piccola” dice un residente. A Melilla vivono 5 mila abitanti per chilometro quadrato. Il campo della Croce Rossa, costruito per accogliere 500 persone, ne ospita oltre 1.600.