ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Costituzione irachena, il Parlamento cede alle pressioni dell'Onu

Lettura in corso:

Costituzione irachena, il Parlamento cede alle pressioni dell'Onu

Dimensioni di testo Aa Aa

Il parlamento iracheno fa marcia indietro sul sistema di voto al referendum sulla costituzione previsto per il 15 ottobre. Dopo le pressioni delle Nazioni Unite l’assemblea legislativa ha approvato la modifica dell’articolo che concerne la bocciatura della costituzione: per invalidare il testo basterà che in tre delle province irachene si pronuncino contro i due terzi dei “votanti” e non più degli “aventi diritto al voto” come era stato deciso ieri.

Secondo l’Onu la modifica avrebbe reso praticamente impossibile bocciare la costituzione. I parlamentari avevano voluto cambiare la legge referendaria per impedire che le tre province a maggioranza sunnita bloccassero tutto il processo di approvazione della costituzione. Gli stessi deputati sunniti avevano rifiutato di sottoscrivere il testo costituzionale che sarà sottoposto la settimana prossima a referendum. Secondo loro la creazione di uno Stato federale, previsto dalla costituzione, lascerà a sciiti e curdi le parti del territorio ricche di risorse petrolifere.