ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue, reazioni positive nei confronti della Turchia ma permangono le riserve

Lettura in corso:

Ue, reazioni positive nei confronti della Turchia ma permangono le riserve

Dimensioni di testo Aa Aa

Soddisfazione ma anche un altolà: le reazioni dei protagonisti della scena internazionale manifestano un atteggiamento positivo verso Ankara ma allo stesso tempo tengono conto dei timori e delle perplessità che molti hanno manifestato nei riguardi del paese.

“La Turchia deve essere trattata come tutti gli altri candidati – ha detto il presidente della Commissione europea José Manuel Durao Barroso – Apprestandosi a entrare nel club, dovrà rispettare scrupolosamente la democrazia, i diritti umani e il principio del primato della legge. L’Europa deve imparare a conoscere meglio la Turchia ma la Turchia dovrà conquistare il cuore e le menti dei cittadini europei”. Per l’Austria parla il ministro degli esteri Ursula Plassnik, che ha difeso l’idea di una adesione non piena: “Non è una discussione offensiva. Ci sono diverse formule possibili. In ogni caso entrambi le parti devono trovare un accordo. Cominceremo ora le trattative e lo faremo con spirito europeista”. Cipro si aspetta che Ankara ricambi le aperture europee: “Abbiamo costantemente appoggiato questa ambizione turca e speriamo che la Turchia riconosca il contributo cipriota nel suo cammino verso l’Europa”, dice il capo della diplomazia George Iacovou. La Casa Bianca non ha nascosto di essere intervenuta direttamente. Il portavoce del Dipartimento di Stato Sean McCormack: “Da tanto tempo gli Stati Uniti hanno espresso sostegno alle aspirazioni europee della Turchia. Non abbiamo potere in questo processo ma abbiamo prestato tutto il nostro supporto diplomatico e dialettico”.