ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tensione in Corsica: razzo su prefettura di Ajaccio

Lettura in corso:

Tensione in Corsica: razzo su prefettura di Ajaccio

Dimensioni di testo Aa Aa

La situazione resta tesa in Corsica, dopo l’esplosione di un razzo, ieri sera, nei locali della prefettura di Ajaccio. L’ordigno, che non ha provocato vittime, ha centrato un ufficio che era vuoto al momento dello scoppio. Ma il prefetto Pierre-René Lemas era al telefono in una stanza a non più di 10 metri dal luogo dell’impatto: “Se la prendono con la prefettura perché è un simbolo – ha detto il prefetto – Ma dietro ai simboli ci sono sempre le persone. Chi compie tali atti dovrebbe pensarci, ogni tanto”.

Secondo il prefetto l’attentato potrebbe essere legato alle proteste contro la preannunciata privatizzazione della compagnia di traghetti SNCM. Ajaccio è stata teatro di manifestazioni molto dure contro la misura che implica la soppressione di almeno 400 posti di lavoro, senza contare le perdite per l’indotto. La Societé Nationale Corse mediterranée perde decine di milioni di euro all’anno. I sindacati hanno rifiutato la proposta del governo che consisteva nel mantenimento di una partecipazione dello stato pari al 25 %. Il conflitto si allarga. Questa mattina a Marsiglia i negozi sono rimasti chiusi per protesta e il personale degli aeroporti di Ajaccio e Bastia ha cominciato uno sciopero di solidarietà. Nelle ultime ore è intervenuta anchel’Unione europea. La Commissione potrebbe autorizzare una ricapitalizzazione sostenuta dal governo francese a patto che sia l’ultimo aiuto statale alla compagnia e che ciò non violi il meccanismo della concorrenza.