ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marsiglia, dirottata dagli scioperanti una nave della Sncm

Lettura in corso:

Marsiglia, dirottata dagli scioperanti una nave della Sncm

Dimensioni di testo Aa Aa

Una nave dirottata, porti di Marsiglia e Bastia praticamente bloccati, scontri a terra: è il quadro della situazione in Francia per l’agitazione dei lavoratori della SNCM che protestano contro il progetzto di privatizzazione della compagnia marittima.

La nave “Pascal Paoli”, di cui alcune decine di marinai in sciopero hanno preso il controllo ieri, è stata portata da Marsiglia al largo del porto corso di Bastia. Gli ammutinati, che non hanno preso in ostaggio alcun passeggero e non sono armati, non intendono scandere dall’imbarcazione. Alle autorità che minacciano 20 anni di reclusione per il dirottamento rispondono di voler solamente riappropriarsi du un bene pubblico. Sull’isola centinaia di aderenti al sindacato comunista CGT o a quello dei lavoratori corsi e militanti nazionalisti hanno manifestato in segno di solidarietà, arrivando a scontrarsi con la polizia. Non soddisfa la proposta del governo di rimanere azionista minoritario. Ma il prefetto regionale di Marsiglia, Christian Fremont, invita alla calma: “Qualcuno alla Sncm ha una politica suicida. Ci sono 2.400 posti di lavoro in gioco. Spero nel senso di responsabilità sia per il futuro della compagnia sia per quello del porto”. “Non ci arrenderemo così – risponde uno scioperante – E’ fuori discussione che ci accontentiamo. Abbiamo appena cominciato” La Società marittima Corsica-Mediterraneo, indebitata ma con un patrimonio stimato in mezzo miliardo di euro, dovrebbe essere venduta a un fondo d’investimento che ha preannunciato centinaia di licenziamenti.