ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le speranze e il realismo della comunità turca

Lettura in corso:

Le speranze e il realismo della comunità turca

Dimensioni di testo Aa Aa

Per le strade del quartiere turco di Bruxelles non si respira un grande ottimismo. Gli abitanti qui sono consapevoli dello scoglio rappresentato dalla questione cipriota e delle difficoltà che potrà incontrare il loro paese durante i negoziati per l’adesione al via lunedí. L’opinione di un abitante del quartiere turco a Bruxelles: “In Turchia, l’80% dei cittadini sono a favore dell’UE. Ma non per la democrazia, la gente non capisce la democrazia…. Pensano invece di venire in Europa con le loro valigie e di trovare un lavoro in Germania, per questo sono a favore degli europei!”

La maggior parte dei turchi di Bruxelles ritiene che i criteri di pre-adesione imposti alla Turchia rappresentino un’opportunità per migliorare la democrazia nel loro paese, come spiega il padrone di un supermercato: “Ci sono dei criteri, dobbiamo rispettarli, nè piú né meno che gli altri paesi” Secondo un professore dell’Université Libre di Bruxelles, la Turchia ha già fatto molto: “L’ampiezza delle riforme avviate, comprese le riforme istituzionali, rappresenta uno sforzo considerevole- dice Robert Anciaux. Il governo turco ha dovuto dare prova di una certa fermezza nei confronti degli elementi conservatori da un punto di vista politico, penso soprattutto ai militari, ma anche ad alcuni correnti politiche in Turchia che non sono favorevoli alle riforme avviate, in particolare per quanto riguarda il riconoscimento di alcune minoranze come i curdi” Anche il montare del nazionalismo islamico in Turchia preoccupa gli emigrati turchi che vivono a Bruxelles. Temono che il crescente sentimento religiosopossa spaventare l’opinione pubblica in Europa. .