ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ventisette anni al leader della cellula spagnola di Al Qaida Imad Eddin Barakat Yarkas

Lettura in corso:

Ventisette anni al leader della cellula spagnola di Al Qaida Imad Eddin Barakat Yarkas

Dimensioni di testo Aa Aa
È la condanna più alta inflitta al processo, che si è chiuso oggi a Madrid, a 24 imputati, accusati di essere membri della rete di Bin Laden. La corte non ha ritenuto gli imputati direttamenti coinvolti nelle stragi di quattro anni fa negli Usa, e quindi non li ha ritenuti colpevoli della morte di circa 3000 persone, ma li ha condannati per cospirazione in relazione agli attacchi del 2001. Il processo, il più grande svolto in Europa contro presunti membri di Al Qaida, è durato quattro mesi e ha visto deporre, sotto misure di severa sicurezza, più di cento testimoni. Sei degli imputati, tra cui Nidal, il secondo in queste immagini di archivio, sono stati assolti. Per il capo della cellula spagnola, Yarkas, e altri tre imputati l’accusa aveva chiesto una pena esemplare di 74 mila anni. Sette anni di reclusione sono stati inflitti al giornalista Tayssir Alouni per collaborazione con Al Al Qaida. Il giornalista, diventato famoso per aver intervistato Bin Laden, ricorrerà in appello.