ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Botta e risposta tra Vaticano e TPI sul generale croato Gotovina

Lettura in corso:

Botta e risposta tra Vaticano e TPI sul generale croato Gotovina

Dimensioni di testo Aa Aa

La tensione sale tra Carla del Ponte e il Vaticano. Il procuratore del Tribunale penale internazionale per la ex Iugoslavia (TPI) ha accusato la chiesa cattolica di non collaborare nella cattura del generale croato Ante Gotovina. Il militare ricercato per crimini di guerra, secondo il tribunale dell’Aja si nasconderebbe in un monastero francescano in Croazia. Alle richieste della Del Ponte il portavoce della Santa sede Navarro Valls ha risposto che il Vaticano non si sente obbligato a cooperare.

“Abbiamo bisogno dell’assistenza del Vaticano – ha detto la portavoce del tribunale penale internazionale – abbiamo bisogno della loro cooperazione per sapere dove Gotovina era in passato, dove è adesso e dove sarà in futuro per permettere alle autorità competenti di arrestarlo”. Anche in passato si era parlato del fatto che Gotovina fosse protetto da francescani ultranazionalisti dell’Herzegovina, la regione a maggioranza croata della Bosnia. Il suo mancato arresto ha bloccato lo scorso marzo le trattative di adesione della Croazia all’Unione europea.