ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Onu: unanimità nella lotta al terrore ma non su altri punti centrali

Lettura in corso:

Onu: unanimità nella lotta al terrore ma non su altri punti centrali

Dimensioni di testo Aa Aa

Riformare l’Onu e sradicare la corruzione al suo interno. Il presidente americano Bush ha aperto con questo appello e un chiaro richiamo allo scandalo Oil for food la seconda giornata del vertice mondiale. Ma l’argomento principe è stato anche oggi la lotta al terrorismo.

“Abbiamo l’obbligo solenne di difendere i cittadini contro il terrorismo, di smantellare le sue reti, privandole di qualunque sostegno – ha detto Bush. Bisogna promuovere un’ideologia di libertà e tolleranza che rigetti la cupa visione del terrorismo.” La lotta al terrore è uno dei pochi punti su cui si è trovata l’unanimità, nei modi e nei toni. Durissimo anche l’ intervento del presidente russo, Vladimir Putin: “Il nostro impegno comune è quello di trovare un fronte comune davvero solido contro questo male. Ogni tentativo di condonare il terrorismo, di assecondare i terroristi, di usarli per diversi obiettivi politici deve essere condannato all’unanimità.” Unità di intenti anche sull’impegno del Consiglio di sicurezza a prevenire i le guerre in Africa e nel resto del mondo. Kofi Annan alla fine ha brindato davanti agli oltre 150 capi di stato e di governo. Nel suo intervento odierno pero’ il segretario dell’Onu è tornato a criticare con forza sia il mancato accordo sulla riforma del Consiglio di Sicurezza sia, cosa ancor piu’ grave, la mancata intesa sulla non proliferazione nucleare e sul disarmo.