ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gran Bretagna: contenute le proteste dei camionisti, ma inglesi in coda

Lettura in corso:

Gran Bretagna: contenute le proteste dei camionisti, ma inglesi in coda

Dimensioni di testo Aa Aa

In Gran Bretagna è stata piu’ la paura di restare senza benzina a creare disagi che non le proteste indette dai camionisti contro l’aumento del prezzo del petrolio. Se infatti i temuti blocchi delle raffinerie non ci sono stati,il ricordo delle manifestazioni del 2000 che lasciarono a secco il paese ha creato il panico.

Temendo un’altra paralisi la gente ha fatto la coda davanti ai distributori per fare incetta di carburante, e molti ne sono rimasti senza. Non sono mancati momenti di tensione e scene di rabbia tra gli automobilisti. Le manifestazioni dei camionisti davanti alle raffinerie, invece, sono state molto contenute, grazie ai rigidi controlli della polizia che aveva minacciato di togliere la patente a chi avesse tentato azioni di disturbo. Alla vigilia della protesta il ministro delle finanze Gordon Brown aveva respinto la richiesta dei sindacati di abbassare le tasse sul carburante, che in Gran Bretagna rappresentano i due terzi del prezzo della benzina. Rimane il problema di come abbassare i prezzi del greggio ha già superato la soglia dei 70 dollari al barile.