ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una Germania piú filo-atlantica e meno Francia-dipendente per la CDU

Lettura in corso:

Una Germania piú filo-atlantica e meno Francia-dipendente per la CDU

Dimensioni di testo Aa Aa

I verdi tedeschi fanno campagna elettorale a Bruxelles. Il loro leader Joskha Fischer è stato ministro degli esteri per circa sette anni in Germania. La maggior parte dei militanti ecologisti ritiene tuttavia che non ci saranno cambiamenti di fondo nella linea politica estera, anche se al governo andassero i conservatori. Il leader dei verdi a Bruxelles, Frank Schwalba- Hoth:

“Sfortunatamente la politica estera non ha un grande spazio in queste elezioni. Qualsiasi governo guidasse il paese resterà piú o meno nella stessa cornice. La Germania resterà nella cornice europea e continuerà ad essere un forte alleato della Francia” Se vincesse la coalizione CDU-FDP, Wolfgang Gerhard potrebbe essere il ministro degli esteri. Il capogruppo dei liberali al Bundestag auspica una linea europea piú filo-atlantica e meno Francia-dipendente. Come spiega l’eurodeputata liberale Silvana Koch Mehrin che abbiamo incontrato a Bruxelles: “L’amicizia franco-tedesca non deve diventare l’alleanza dell’arroganza come l’ha definita qualcuno. Ritengo che con il prossimo governo ci sarà una piú stretta cooperazione tra la Gran Bretagna e la Germania, in particolare per quanto riguarda il budget comunitario” A giugno il dibattito sul bilancio si è arenato a causa dell’opposta visione di Francia e Gran Bretagna, nonostante i tentativi di mediazione del cancelliere Schroeder, i leader europei non sono riusciti a superare l’empasse. Secondo Guillaume Durand, esperto dell’European Policy Centre, è necessario ridesegnare gli equilibri all’interno dell’Unione allargata, per uscire dallecrisi: “La relazione con la Francia rimarrà un pilastro della politica tedesca. Tuttavia come si puo’ osservare, con un’Europa a venticinque, e presto anche piú grande, questa relazione privilegiata deve essere aperta ad altri paesi. L’asse franco-tedesco potrebbe non avere il peso necessario per formulare proposte che facciano avanzare l’Europa” In testa nei sondaggi, la cristiano-democratica Angela Merkel si è affrettata a rassicurare il presidente della repubblica francese, anche se “Angie” sembra aver piú affinità con Nicolas Sarkozy, acerrimo rivale di Chirac…..