ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Cina al Salone dell'auto di Francoforte

Lettura in corso:

La Cina al Salone dell'auto di Francoforte

Dimensioni di testo Aa Aa

Arrivano i dragoni cinesi al 61 esimo salone internazionale dell’automobile di Francoforte. Il più grande show al mondo per le quattro ruote ha visto infatti apparire al fianco delle star abituali Mercedes, Bmw e Porsche, tre marchi di auto fatte in Cina da produttori cinesi.

Forti dell’esperienza acquisita presso i costruttori occidentali delocalizzati nel loro paese, le case automobilistiche cinesi hanno lanciato nuovi modelli, che vantano un prezzo nettamente inferiore a quello delle case produttrici europee o americane. La minaccia della concorrenza cinese tuttavia secondo gli esperti non è ancora così grave: ci vorranno almeno dai 5 ai 10 anni perchè questi prodotti si impongono su mercati già altamente competitivi. Sarà dunque questione di tempo, ma intanto la produzione cinese di auto, continua a crescere: dal 2001 a oggi è quadruplicata, arrivando a sfiorare i 3 milioni di mezzi. Una tendenza al rialzo che ha visto un balzo in avanti nel 2002, quando in un anno la produzione è raddoppiata. Questi dati diffusi dall’organizzazione internazionale dei costruttori non tengono conto dell’attività dei marchi occidentali nel paese. Complessivamente infatti la produzione cinese è ben più importante: con quasi 5 milioni di automobili,la Cina punta a rubare alla Germania il suo posto di numero tre al mondo del settore. Il mercato cinese dell’auto soffre già di una sovraproduzione e di una guerra dei prezzi. Pechino guarda dunque all’europa, dove il potere d’acquisto è in ribasso, come meta ideale per le sue auto low cost.