ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In fiamme le sinagoghe di Gaza. Presi d'assalto dai palestinesi i templi ebraici abbandonati

Lettura in corso:

In fiamme le sinagoghe di Gaza. Presi d'assalto dai palestinesi i templi ebraici abbandonati

Dimensioni di testo Aa Aa

Erano uno dei simboli dell’occupazione. Alcune sinagoghe abbandonate dai coloni israeliani nella Striscia di Gaza sono state prese d’assalto da decine di giovani palestinesi. Le forze di sicurezza non hanno potuto fermarli.

Domenica il governo israeliano aveva preso la decisione di non demolire le sinagoghe, anche su pressione della comunità rabbinica. Il presidente palestinese Abbas ridimensiona gli atti di vandalismo perpetrati ai danni delle sinagoghe. “Gli ebrei hanno portato con sé tutti i simboli religiosi, l’aspetto sacrale non c‘è più. Questi edifici sono ormai come tutti gli altri abbandonati dai coloni.” ll saccheggio delle sinagoghe, al grido di “Allah Akbar”, Dio è grande, è iniziato subito dopo che gli ultimi blindati israeliani hanno lasciato la Striscia. Due le sinagoghe incendiate, a Morag, nel sud, e a Netzarim, a nord. L’Autorità Palestinese si è incaricata della demolizione ed eliminazione delle macerie. Sono circa una ventina in tutto i luoghi di culto lasciati dai coloni a metà agosto.