ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: addio rivoluzione arancione. Arriva un nuovo premier

Lettura in corso:

Ucraina: addio rivoluzione arancione. Arriva un nuovo premier

Dimensioni di testo Aa Aa

L’alleanza che permise di fare la rivoluzione arancione è rotta. Il partito Nostra Ucraina del presidente Viktor Yushchenko si prepara a governare il paese senza gli amici di ieri, dopo la crisi innescata da accuse di corruzione e faide interne.

Il nuovo primo ministro incaricato, Yuri Yekhanurov, un fedelissimo del presidente ha posto l’accento sull’importanza di ridare stabilità al paese. Da ieri non più premier, l’ex compagna di rivoluzione Yulia Timoshenko ha salutato la squadra di governo. Oltre a lei e ai ministri se ne vanno anche alcuni membri dello staff presidenziale e il capo dei servizi segreti. Ma Timoshenko, a cui il ruolo di numero due è stato sempre stretto, si prepara a battagliare: “Non è giusto. Ha fatto più questo primo governo arancione in sette mesi di quello che hanno fatto tutti gli altri in 13”. Tirato in ballo in un presunto scandalo di tangenti si è dovuto dimettere anche il braccio destro di Yushchenko, il capo della sicurezza nazionale Piotr Poroshenko, che ha accettato il suo destino. “Sarà il presidente a consolidare la società, il paese e a fermare ogni faida per dimostrare al mondo che la squadra presidenziale è professionale e efficace”. Il nuovo governo dovrà ottenere la fiducia del parlamento, dove gli yushenkiani però non hanno una stabile maggioranza. Il presidente russo Putin si è detto certo che il paese risolverà i suoi problemi. Gli Stati Uniti hanno minimizzato la crisi parlando di un aggiustamento di percorso non raro nelle nazioni democratiche.