ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina, il presidente Yushenko licenzia il primo ministro Timoshenko

Lettura in corso:

Ucraina, il presidente Yushenko licenzia il primo ministro Timoshenko

Dimensioni di testo Aa Aa

Bufera nella politica ucraina. Il presidente Viktor Yushenko ha rimosso Yulia Timoshenko dalla carica di primo ministro e sciolto il suo Governo. Esplode così una crisi che covava da tempo. La rivalità tra il presidente e il premier era evidente fin dall’esito della rivoluzione arancione del gennaio scorso. Stamani si erano già registrate due dimissioni eccellenti nello staff di Yushenko: quelle di Pietro Poroshenko, segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e del vicepremier Nikolai Tomenko.A dar fuoco alle polveri è stato, sabato scorso, Oleksandr Zincenko, che ha lasciato la poltrona di capo di gabinetto del presidente accusando di corruzione l’intero entourage di Yushenko. Zincenko ha detto che la leadership della rivoluzione arancione sta manovrando per rivedere a favore suo e dei suoi amici le controverse privatizzazioni del precedente regime.Zincenko, ex uomo d’affari e anche lui tra i principali luogotenenti di Yushenko, ha chiamato personalmente in causa Poroshenko, magnate televisivo e uno degli uomini più ricchi dell’Ucraina.Il presidente ha incaricato il governatore della regione di Dnepropetrovsk Yuri Yakhanurov di formare un nuovo governo e ha avviato un’inchiesta sulle accuse di corruzione che colpiscono una parte importante dei protagonisti della rivoluzione arancione, di cui Timoshenko è stata la “pasionaria”.