ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucciso il cugino di Yasser Arafat, ex capo della sicurezza palestinese

Lettura in corso:

Ucciso il cugino di Yasser Arafat, ex capo della sicurezza palestinese

Dimensioni di testo Aa Aa

Guerra fratricida nella Striscia di Gaza. La scorsa notte è stato ucciso Mussa Arafat, cugino di Yasser. Il delitto è stato rivendicato da un gruppo armato palestinese chiamato i “Comitati di resistenza popolare”.

L’ex generale, ed ex capo della sicurezza nazionale, è stato eliminato attraverso una complessa operazione a cui hanno preso parte un centinaio di miliziani armati, che a Gaza City hanno prelevato l’uomo, ancora in pigiama, l’hanno trascinato sul selciato e poi l’hanno abbattuto con una ventina di colpi d’arma da fuoco. Moussa aveva 65 anni. I miliziani ne hanno pure rapito il figlio. Secondo alcune fonti l’avrebbero anche ucciso. Indignati i vertici palestinesi per “un atto che rappresenta un grave pericolo, ha tuonato il primo ministro Ahmed Qorei. Esso prende di mira uno di quei leader della sicurezza palestinese che hanno avuto un ruolo fondamentale in questo settore. Rappresenta una violazione della nostra sicurezza.” Moussa Arafat era l’attuale consigliere per gli affari militari del presidente Mahmoud Abbas. Per molti gruppi militanti era pero’ il simbolo della corruzione all’interno dell’Autorità palestinese.