ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Omicidio Hariri: la commissione Mehlis indaga in Siria

Lettura in corso:

Omicidio Hariri: la commissione Mehlis indaga in Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

Punta dritto sulla Siria l’inchiesta sull’omicidio dell’ex primo ministro libanese, Rafic Hariri, assassinato il 14 febbraio a Beirut. Detlev Mehlis, il magistrato tedesco, a capo della commissione incaricata dall’Onu di far luce sulla vicenda, ha annunciato oggi che si recherà proprio in Siria per proseguire le indagini.

Mehlis ha confermato il viaggio a Damasco in una conferenza stampa a Beirut. La decisione del magistrato tedesco aggrava la posizione dei quattro funzionari della sicurezza pro-siriani, arrestati ieri, con l’accusa di aver partecipato all’omicidio. E si aggrava anche la posizione del presidente libanese, Emile Lahoud. Uno dei sospettati, anche se non agli arresti, è un suo stretto collaboratore. La morte di Rafic Hariri ha accellerato il ritiro delle truppe siriane, di stanza in Libano da oltre 29 anni. Hanno definitivamente abbandonato il paese alla fine di aprile. La commissione Mehlis avrebbe dovuto concludere i lavori il 15 settembre. Visti gli sviluppi, probabile una proroga.