ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migliaia di morti sommersi dall'acqua a New Orleans

Lettura in corso:

Migliaia di morti sommersi dall'acqua a New Orleans

Dimensioni di testo Aa Aa

Sott’acqua a New Orleans “ci sono centinaia di cadaveri, molto più probabilmente migliaia”, lo ha detto il sindaco Ray Nagin.

A quattro giorni dal il passaggio dell’uragano Katrina, famiglie disperate sono ancora sui tetti a implorare di essere tratte in salvo. L’acqua non solo sommerge la città costruita in depressione ma continua ad affluire. Squadre sono al lavoro per tentare di riparare le falle negli argini attorno a New Orleans ma anche dopo l’arresto del flusso d’acqua ci vorranno settimane per prosciugare l’intera zona. Si stima che gli abitanti non potranno tornare prima di 3-4 mesi. Per i problemi igienici e le difficoltà nel trasportare cibo all’interno della città, il governatore della Louisiana ha ordinato la partenza anche agli sfollati che hanno trovato un riparo. Venticinque mila persone, molte delle quali si erano rifugiate allo stadio Superdome, saranno traferite in pullman all’Astrodome di Houston, in Texas, a a 500 chilometri di distanza.. Nel Mississipi, dove il ciclone ha convogliato la sua potenza distruttiva solo su case ed edifici, si stanno cominciando le operazioni di sgombero delle macerie . Nello stato ci si prepara a dare l’ultimo saluto ad almeno 110 vittime. Un numero che potrebbe ancora aumentare, anche se – secondo gli esperti – non ai temuti ritmi della Louisiana.