ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parigi, i sopravvissuti al rogo nel palazzo degli immigrati chiedono giustizia

Lettura in corso:

Parigi, i sopravvissuti al rogo nel palazzo degli immigrati chiedono giustizia

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la violenza del fuoco, rabbia e interrogativi. L’incendio scoppiato nella notte tra lunedì e martedì nel cuore di Parigi, in un palazzo fatiscente abitato da dodici famiglie della Costa d’avorio, ha ucciso tre adulti e quattro bambini. 14 i feriti.

Laurent Vibert, dei vigili del fuoco: “Sappiamo che era un edificio in condizioni che rendono difficili anche le operazioni di soccorso. Quando il fuoco si sviluppa poi nella tromba delle scale diventa difficile intervenire” Le famiglie che abitavano l’immobile, situato nel quartiere storico Marais, erano in attesa di ottenere un casa popolare.“Immaginate i nostri parenti in Costa d’Avorio, sapranno che siamo stati bruciati come animali. Immaginate la tristezza” Un’inchiesta è stata aperta sull’incendio, e non si esclude che sia stato un atto doloso. Qualcuno nella comunità di immigrati si domanda perchè questi roghi colpiscano sempre i palazzi abitati da africani. “Ne abbiamo abbastanza. Anche gli animali sono protetti qui. Perchè i neri non possono essere protetti allo stesso modo? e perchè non ci lasciano in pace?” Questo è il terzo rogo a Parigi in pochi mesi. L’ultimo incendio ha ucciso 17 africani solo pochi giorni fa. Alcune autorità e associazioni hanno lanciato appelli per un intervento dello stato. Sono trecentomila infatti attualmente gli immigrati che vivono in edifici fatiscenti nella capitale francese.