ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq: firmata bozza finale di Costituzione ma non c'è accordo

Lettura in corso:

Iraq: firmata bozza finale di Costituzione ma non c'è accordo

Dimensioni di testo Aa Aa

A Baghdad la maggioranza dei membri del comitato di redazione della Costituzione ha firmato la versione finale del progetto.

Dopo settimane di ritardo, l’annuncio ufficiale sarà fatto dal presidente Jalal Talabani, mentre spetta all’assemblea parlamentare approvare il testo. Anche se su questo punto l’ufficio presidenziale ha precisato che non vi è un obbligo legale. Il testo non mette comunque tutti d’accordo. A non concordare con la bozza finale i sunniti, che sin dall’inizio si son detti contrari a un’ organizzazione di tipo federalista dello stato, che, sostengono, andrebbe a vantaggio di sciiti e curdi che popolano le zone più ricche di giacimenti petroliferi del Paese. Le manifestazioni di protesta che si sono susseguite negli ultimi giorni hanno smussato le posizioni della maggioranza curdo-sciita e gli sciiti hanno avanzato l’emendamento secondo cui il concetto di stato federale, in nuce nella Costituzione, verrebbe elaborato in sede parlamentare. I sunniti hanno risposto con una controproposta secondo la quale l’organizzazione federale del paese è salvaguardata per la parte curda dell’Iraq. Altra richiesta avanzata dalla parte sunnita quella di considerare l’Islam come fonte principale del diritto. La parola adesso passerà ai cittadini. Il referendum sulla legge fondamentale irachena si terrà il 15 ottobre.