ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terra bruciata in Portogallo. Fiamme lambiscono Coimbra. Arrivano aiuti europei

Lettura in corso:

Terra bruciata in Portogallo. Fiamme lambiscono Coimbra. Arrivano aiuti europei

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Portogallo continua a bruciare. Questa mattina 27 focolai erano ancora fuori controllo.

Nel distretto di Coimbra le fiamme hanno raggiunto l’agglomerato urbano: 10 case distrutte. Il fuoco minaccia un ospedale psichiatrico. Mentre 3.500 pompieri sono già mobilitati, 50 elicotteri e Canadair portoghesi sono in azione, si è messa in moto la macchina dei rinforzi europei. All’appello lanciato dal governo socialista di Josè Socrates hanno risposto Francia, Spagna, Italia e Germania che hanno messo a disposizione 4 Canadair e 3 elicotteri In 9 distretti del Paese la protezione civile ha dichiarato lo stato di “massima allerta”. Ma il livello di rischio resta “molto elevato” in altre 7 regioni e non vi sono zone considerate fuori pericolo. Il ministro degli Interni portoghese Antonio Costa e il collega francese Nicolas Sarkozy auspicano l’attivazione di una forza europea per situazioni di crisi di tale entità. Un accordo di cooperazione fra le protezioni civili di Francia e Portogallo è già in fase di studio. Il presidente della Commissione Europea Jose Manuel Durao Barroso si è recato in alcune delle zone colpite dalle fiamme. L’esecutivo comunitario – ha detto – farà il possibile per aiutare Lisbona. Venti a 70 chilometri orari e temperature attorno a 35 gradi complicano la situazione. Oltre 134.000 ettari bruciati, 13 vittime in pochi mesi: ora è polemica sull’efficienza degli interventi e la scarsa tempestività con cui Lisbona ha richiesto aiuti internazionali.