ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I Palestinesi festeggiano la fine di 38 anni d'occupazione israeliana.

Lettura in corso:

I Palestinesi festeggiano la fine di 38 anni d'occupazione israeliana.

Dimensioni di testo Aa Aa

Per le migliaia di palestinesi radunati a Khan Yunis, appena fuori dalle colonie di Gush Katif, al di là del muro, è un giorno di festa. A mezza notte finiscono 38 anni d’occupazione israeliana.

Il colore dominante è il verde di Hamas: il movimento radicale saluta il ritiro come una vittoria contro Israele. Circa 7.500 militari dispiegati dall’Autorità Nazionale Palestinese fronteggiano un test fondamentale: dimostrare la propria capacità di mantenere l’ordine durante lo smantellamento. Qualche colpo sparato in aria è bastato a non far degenerare la situazione. Intanto Shaul Mofaz, ministro israeliano della Difesa, ha chiesto ai palestinesi di non entrare nelle colonie evacuate prima di un mese. Del resto l’esercito israeliano stesso si ritirerà completamente dalla Striscia ad ottobre. “Gaza City libera e pulita” è lo slogan della campagna lanciata da Ahmad Qorei, primo ministro palestinese. Non solo si ripristinano le strade della città, ma sopratutto si cancellano dai suoi muri le scritte con le quali per anni la popolazione palestinese ha sfogato la propria rabbia contro l’occupazione israeliana.