ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza, ancora disordini nelle colonie a poche ore dall'evacuazione forzata

Lettura in corso:

Gaza, ancora disordini nelle colonie a poche ore dall'evacuazione forzata

Dimensioni di testo Aa Aa

A poche ore dall’evacuazione forzata, ancora scontri a Neve Dekalim. La principale colonia della striscia di Gaza è stata teatro di disordini fin dalla mattinata.

Le forze di sicurezza israeliani sono riuscite a entrare questa mattina dopo avere superato la resistenza di circa 200 manifestanti e sbloccato l’accesso all’insediamento. Una cinquantina di giovani, che non sono residenti nella colonia, sono stati arrestati e espulsi a forza. Quasi tutti sono stati poi rilasciati a condizione di non cercare di rientrare a Gaza. Gli scontri non hanno provocato vittime. Molti tra i dimostranti hanno fatto la resistenza passiva e l’esercito considera la situazione contrallabile nella colonia. I militari temono tuttavia nuove violenze a Gush Katif, a causa di circa 5 mila ultranazionalisti che si sarebbero infiltrati nelle ultime settimane per sostenere la lotta dei coloni. Chi non avrà lasciato i territori alla mezzanotte di oggi, verrà espulso con la forza. Nel nord del paese, le operazioni procedono più tranquillamente. Una prima colonia è stata già completamente evacuata: Dugit, che conta circa 80 abitanti, e anche le altre si sono svuotate per lo piu’ spontaneamente. Finora avrebbero lasciato gli insediamenti piu’ della metà degli 8 mila coloni di Gaza. Un centinaio di camion sono entrati a Gush Katif per le ultime famiglie che intendono lasciare le colonie prima di mezzanotte.