ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Risale in supeficie il batiscafo russo - vivi i membri dell'equipaggio

Lettura in corso:

Risale in supeficie il batiscafo russo - vivi i membri dell'equipaggio

Dimensioni di testo Aa Aa

È stato riportato alla superficie il batiscafo russo intrappolato da tre giorni sul fondo del pacifico con 7 persone a bordo. Tutti vivi i membri dell’equipaggio. L’As 28, questo il nome del batiscafo, era rimasto impigliato nei cavi di un’antenna sottomarina che fa parte di un sistema di controllo costiero al largo della penisola di Kamchatka, nell’estremo oriente russo. Per liberarlo i sccorritori avevano impiegato lo skorpio, un minisommergibile telecomandato britannico. Si tratta di un mezzo in grado di operare a grandi profondità e dotato di braccia meccaniche per tranciare i cavi che trattenevano il batiscafo sul fondo. Il minisommergibile telecomandato era dovuto risalire alla superficie per avaria quando aveva quasi completato l’opera. Dopo una rapida riparazione lo skorpio si era nuovamente immerso per concludere l’intervento. Dentro l’As 28 la temperatura si aggirava sui 5 gradi centigradi, ma l’equipaggio era dotato di tute termiche per sopravvivere a queste temperature. Il problema più grave era quello dell’aria che all’interno del minisottomarino stava per esaurirsi.