ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In salvo e in buona salute i sette del batiscafo russo

Lettura in corso:

In salvo e in buona salute i sette del batiscafo russo

Dimensioni di testo Aa Aa

In salvo dopo 76 ore in fondo al mare. I 7 marinai del batiscafo russo, che era rimasto bloccato a 190 metri di profondità al largo di Petropavlovsk-Kamtchatski, nell’estremo oriente russo, sono in condizioni di salute soddisfacenti. Si sono solo presi un bel raffreddore, vista la bassa temperatura all’interno del sottomarino.

Giunto sul posto per accoglierli, il ministro della difesa russo Serguei Ivanov li ha definiti degli eroi. Ma, forse, il felice esito della vicenda non basterà a placare la polemica e le accuse piovute sulle autorità russe per aver cercato inizialmente di mantenere il segreto e poi facendo prevalere l’incertezza, diffondendo notizie contraddittorie. Il salvataggio è stato compiuto grazie a un robot britannico. Nelle prime ore del mattino, lo scorpio 45 è riuscito a tagliare i cavi dell’antenna sottomarina e la rete che imprigionavano lo scafo. Ci sono volute 5 ore di lavoro. Quando sono arrivati i soccorsi, i marinai avevano a bordo riserve d’aria per non più di 10-12 ore al massimo.