ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: mini-sottomarino bloccato in profondità con 7 membri dell'equipaggio

Lettura in corso:

Russia: mini-sottomarino bloccato in profondità con 7 membri dell'equipaggio

Dimensioni di testo Aa Aa

La Russia rivive l’incubo del Kursk. Un piccolo sottomarino con sette marinai bordo è bloccato da ieri a 190 metri di profondità con sole 24 ore di riserve d’ossigeno.

Una decina di navi della flotta russa stanno lottando contro il tempo per riportare in superficie il batiscafo nella baia Berezovaia, a sud della città di Petropavlovsk-kamtchatskii. Mosca ha chiesto anche l’aiuto di Stati Uniti e Giappone. Il mini-sottomarino, 13 metri di lunghezza e quasi sei di larghezza, è rimasto agganciato a un oggetto non identificato, probabilmente un cavo metallico o una rete da pesca. L’equipaggio, ha riferito la marina russa, è in buone condizioni: i sette marinai stavano svolgendo un’operaizone di routine. Il portavoce della Flotta del Pacifico: “La situazione è insolita, ma non bisogna drammatizzare. Una missione speciale scoprirà le cause del naufragio. Quindi si discuterà dei metodi da adottare per risolvere il problema e riportare in superficie il batiscafo”. L’As-28 è un mini-sottomarino utilizzato abitualmente per il soccorso dei sommergibili: puo’ scendere fino a un chilometro di profondità. L’incidente di oggi ricorda la tragedia del Kursk, il 12 agosto del 2000: il sottomarino nucleare si inabissò nel mare di Barents con i 118 membri dell’equipaggio.