ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mauritania: la giunta golpista scioglie il parlamento

Lettura in corso:

Mauritania: la giunta golpista scioglie il parlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Con l’ormai ex presidente mauritano Maaoyuia Ould Taya rifugiato provvisoriamente in Niger all’indomani del colpo di stato, la giunta militare che lo ha spodestato decide di sciogliere il parlamento. È stato il primo atto ufficiale dei golpisti che hanno preso il potere a Nouakchott.

Approfittando di un’assenza del presidente, volato in Arabia Saudita per partecipare alle esequie del defunto sovrano re Fahd, la giunta, guidata dal capo della polizia, il colonnello Eoly Ould Mohamed Val, ha rovesciato il governo e un presidente già sopravvissuto a tre attentati. Il golpe, sino ad ora riuscito, era il quarto compiuto in appena quindici mesi. Ely Ould Mohammed Val, nuovo uomo forte del paese ha detto di voler traghettare la nazione verso nuove elezioni. Un esercizio del potere che durerà almeno due anni. Il golpe si è attirato le critiche quasi unanimi della comunità internazionale tanto che il consiglio dell’Unione Africana ha deciso di sospendere il paese sino a quando non verrà ristabilita la legalità costituzionale. Una minaccia che non sembra spaventare Ely Ould Mohammed Val certo di avere la popolazione dalla sua parte.