ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La moglie di Karadzic: Radovan, arrenditi!

Lettura in corso:

La moglie di Karadzic: Radovan, arrenditi!

Dimensioni di testo Aa Aa

“Arrenditi!” è l’inaspettato appello indirizzato a Radovan Karadzic dalla moglie Ljiljana. Latitante da 10 anni, l’ex leader dei serbi di Bosnia è accusato di genocidio.

La consorte ha detto di aver ceduto perché le pressioni sulla famiglia sono diventate insopportabili: “La nostra vita e la nostra esistenza sono minacciate, viviamo in un’atmosfera permanente di inquietudine e sofferenza. Consegnati, sacrificati per la tua famiglia”. A Pale le abitazioni dei familiari sono state più volte perquisite dai militari della NATO. All’inizio di luglio il figlio Aleksandar è stato arrestato e interrogato per una decina di giorni. Radovan Karadzic è il principale ricercato del Tribunale penale internazionale per i crimini nella Ex Jugoslavia. E’ accusato di aver orchestrato una campagna di pulizia etnica contro le popolazioni non serbe e di aver ordinato l’uccisione di 8 mila musulmani a Srebrenica nel 1995.