ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Secondo Scotland Yard c'era l'intento di fare un altra strage

Lettura in corso:

Secondo Scotland Yard c'era l'intento di fare un altra strage

Dimensioni di testo Aa Aa

Volevano uccidere gli attentatori di Londra: lo hanno detto la polizia e il sindaco di Londra Ken Livingstone. Gli ordigni non avrebbero fatto vittime solo perché non hanno funzionato del tutto, rimanendo inesplosi o col solo detonatore scoppiato.

Il primo citadino della capitale fa un parallelo: “Non ci sorprende che si sia cercato di uccidere a Londra così rapidamente dopo il primo tentativo. Quanti hanno memoria delle campagne terroristiche degli anni ’70, ’80 e dei primi anni ’90 si ricorderanno che molto spesso terribili esplosioni sono avvenute a Londra solo a poche settimane di distanza.” “C‘è un’analogia – dice il capo di Scotland Yard Ian Blair – Ci sono stati quattro attentati, c’erano stati quattro attentati l’altra volta. Se siano direttamente collegati – nel senso di essere stati perpetrati dallo stesso gruppo – ci vorrà ancora un po’ di tempo per stabilirlo.” Gli attentati non erano di natura suicida. Gli autori li avrebbero progettati con l’idea di scappare.