ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca cattura "la mente di diversi attentati ceceni"

Lettura in corso:

Mosca cattura "la mente di diversi attentati ceceni"

Dimensioni di testo Aa Aa

È la mente di numerosi attentati nel Caucaso settentrionale l’uomo catturato dai servizi di sicurezza russi oggi a Irkutsk in Siberia, almeno secondo le autorità, per le quali Rizvan Aziyev, 26 anni, è un guerrigliero ceceno, responsabile della morte di numerosi federali e agenti di polizia. Nella stessa località dell’arresto si nasconderebbero altri combattenti ceceni.

Intanto, non lontano da Grozny, capoluogo della repubblica autonoma, si piangono i 15 morti, vittime dell’attentato di ieri rivendicato da un commando ceceno. Secondo la ricostruzione dell’attacco avvenuto nel villaggio di Znamenskoye, gli agenti di polizia, nel mirino degli attentatori, sono stati attirati in una trappola. Erano accorsi in forza per la segnalazione di un’auto con a bordo un cadavere, ma il veicolo, carico di esplosivo, è saltato in aria, uccidendo undici uomini della sicurezza, due bambini e due civili. Una trentina i feriti. Le autorità di Mosca non hanno dubbi: dietro l’attentato c‘è la mano di Chamil Bassaiev, comandante indipendentista che ha rivendicato l’assalto di Beslan.