ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migliaia di agricoltori a Bruxelles per difendere lo zucchero europeo

Lettura in corso:

Migliaia di agricoltori a Bruxelles per difendere lo zucchero europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

“Difendiamo lo zucchero del vechio continente”, a gridarlo migliaia di bieticoltori inferociti che protestavano contro la riforma del mercato dello zucchero proposta dalla Commissione europea. I manifestanti sono giunti da 21 paesi per dire “no” a un progetto che prevede, dal 2007, un abbattimento del 39% dei costi alla produzione e un incentivo per quei coltivatori che decideranno di riconvertirsi. La riforma, proposta dal commissario all’agricoltura, la danese Mariann Fischer Boel, dicono gli agricoltori, favorirebbe i prodotti di quei paesi dove la manodopera costa meno, come il Brasile, distruggendo un comparto che in Europa dà lavoro a oltre 400.000 persone. Alla riunione di Bruxelles ha partecipato anche il ministro italiano per le politiche agricole Gianni Alemanno, pronto a ridimensionare la produzione nazionale, ma contrario a una riforma che potrebbe cancellare una filiera che dà lavoro a 70.000 addetti. All’indice anche il progetto di tagli alle sovvenzioni. Oggi l’Unione Europea paga 42 euro per tonnellata. Dal 2009 il prezzo dovrebbe scendere a 25 euro. Per i bieticoltori una esagerata caduta dei prezzi che non porterebbe alcun beneficio neppure ai consumatori e che avvantaggerà soltanto poche multinazionali.