ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scotland Yard sulle tracce dell'artificiere e della mente delle stragi

Lettura in corso:

Scotland Yard sulle tracce dell'artificiere e della mente delle stragi

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla caccia di un quinto e un sesto uomo. Molteplici i fronti dell’inchiesta di Scotland Yard, che punta a individuare l’artificiere e la mente degli attentati di Londra del 7 luglio.

Nelle scorse ore un’operazione anti terrorismo nel nord-ovest della capitale non ha dato risultati: nessun fermo né alcun esplosivo sequestrato. Si cercano un agente di Al Qaida, nato in Gran Bretagna, sbarcato via mare tre settimane fa e ripartito poche ore prima degli attentati. E uno studente di chimica dell’Università di Leeds, vicino di casa dei quattro kamikaze identificati, e scomparso una decina di giorni fa: potrebbe essere lui l’artificiere del gruppo. Confermato poi che le due auto abbandonate a Luton, a nord di Londra, trasportavano esplosivo. Il governo britannico ha oggi ufficializzato la responsabilità degli attentati: è stata Al Qaida, quella di Londra sarebbe la loro 31esima operazione dal 1993. Intanto continua l’omaggio dei londinesi alle 52 vittime ufficiali: è una processione ininterrotta che depone fiori e messaggi nei luoghi delle quattro stragi.