ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, 14 luglio: Chirac in calo tenta di dar forza ai francesi

Lettura in corso:

Francia, 14 luglio: Chirac in calo tenta di dar forza ai francesi

Dimensioni di testo Aa Aa

È l’undicesimo quattordici luglio dell’era Chirac: la parata militare è più o meno quella di sempre, anche se c‘è una rappresentanza dell’esercito brasiliano e, in tribuna, il presidente Lula siede accanto a Jacques Chirac: la Francia, quest’anno, celebra l’anno del Brasile. Ma, oltre ai militari che sfilavano a drappelli ordinati e tirati a lustro, ce n’erano almeno 5.000 – militari e soprattutto poliziotti – impegnati nel servizio d’ordine. Dopo le esplosioni di Londra, le autorità francesi hanno innalzato al rosso il livello del piano Vigipirate per la sicurezza interna. A chi gli fa notare il pesante calo di popolarità riscontrato dai sondaggi, Chirac, nel corso del consueto intervento televisivo, risponde che quando va all’estero non si sente per nulla sminuito. “Sono sicuro di me – ha detto – perché difendo valori sicuri, che sono i nostri. Non credo che il modello britannico sia qualcosa che noi dovremmo invidiare o copiare – aggiunge Chirac -: certo la disoccupazione è meno pesante che da noi, nettamente. Ma se consideriamo gli elementi principali della vita in società, che si tratti della politica sanitaria o della lotta contro la povertà, vi renderete conto che siamo messi molto meglio dei britannici”. Un momento imbarazzante, per lui, è stata la sconfitta al referendum per la Costituzione europea: ma oggi dice di aver tratto, dal messaggio inviatogli il 29 maggio dai francesi, “tutta la motivazione necessaria, una nuova ambizione per andare avanti, perché credo sia venuto il momento, credo sia psicologicamente possibile. È grazie all’ambizione e all’unità che usciremo dalle difficoltà, e per questo i politici devono dare l’esempio, essere uniti con il solo obiettivo di servire i francesi”, conclude il presidente.

Chi ha le maggiori probabilità di succedergli alla presidenza, nel 2007? Una domanda alla quale Chirac non ha voluto rispondere, forse anche per scaramanzia.