ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Diversi ricercati per gli attentati di Londra. Oggi l'Europa in silenzio


mondo

Diversi ricercati per gli attentati di Londra. Oggi l'Europa in silenzio

Una maxi perquisizione è stata eseguita alla periferia nord-occidentale di Londra. I reparti antiterrorismo e la polizia della Valle del Tamigi hanno passato al setaccio un edificio residenziale senza fare arresti né commenti sui risultati.

Secondo indiscrezioni raccolte dal quotidiano Times gli investigatori stanno facendo progressi: un britannico di origine pakistana, sbarcato in un porto del paese un mese fa e ripartito il giorno prima degli attentati, sarebbe stato identificato come il capo dei kamikaze. L’artificiere che ha confezionato le bombe potrebbe essere invece un professore di chimica dell’università di Leeds. L’uomo, proveniente dall’Egitto, è attualmente ricercato. Nella sua abitazione sarebbe stato rinvenuto esplosivo. Come ne è stato trovato anche in due auto abbandonate alla stazione di Luton. Le telecamere della stazione avrebbero anche ripreso un quinto aspirante kamikaze, tuttora in libertà. La polizia cerca anche altre due persone sospettate di aver assicurato un sostegno logistico agli attentatori. I presunti kamikaze morti negli attentati avevano tra i 18 e i 30 anni. Tre erano britannici di origini arabe. Ignota l’identità del quarto. Per ricordare le 52 persone rimaste uccise giovedì e 700 feriti, oggi alle tredici tutta l’Europa si ferma per due minuti di silenzio.
Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Libano: verso un governo di tecnocrati