ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pendolari spaventati e impotenti per la minaccia kamikaze

Lettura in corso:

Pendolari spaventati e impotenti per la minaccia kamikaze

Dimensioni di testo Aa Aa

Erano passate tutte e tre dalla stazione King’s Cross le metropolitane colpite giovedì mattina: proprio da lì sarebbero partiti gli attentatori. L’ipotesi, che si fa sempre più concreta, che fossero kamikaze turba i pendolari: se si può prestare attenzione a un pacco o uno zaino abbandonato, poco o nulla si può fare se la minaccia si aggira in carne ed ossa.

“Cosa potrebbe proteggerti in metropolitana nel caso di attentatori suicidi? – si chiede una viaggiatrice – Non lascia con molta sicurezza l’idea che chiunque nella metro potrebbe farsi saltare in aria”. “Sono codardi – aggiunge un’altra donna – Hanno certamente perso la vita anche loro ma sono vigliacchi per la devastazione e tutto ciò che hanno provocato agli altri. E non sappiamo nemmeno perché l’hanno fatto.” La rivelazione che gli attentatori probabilmente erano del posto allo stesso tempo convince e lascia scioccati i londinesi. Nei dintorni della stazione rimangono affissi i manifesti con i volti dei dispersi. Per Scotland Yard un altro attentato è probabile.