ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Lussemburgo salva la costituzione ma l'Europa resta in crisi

Lettura in corso:

Il Lussemburgo salva la costituzione ma l'Europa resta in crisi

Il Lussemburgo salva la costituzione ma l'Europa resta in crisi
Dimensioni di testo Aa Aa

Se in Lussemburgo al referendum avessero prevalso i no, la costituzione europea sarebbe morta e sepolta. Invece ha vinto il sì e il processo di ratifica ora può procedere. È soddisfatto il premier lussemburghese Jean-Claude Junker: quello raggiunto dal Gran Ducato è un risultato importante, ma deve essere contestualizzato. Il referendum è passato in un paese di 450 mila abitanti, una media città della Francia. Segna comunque l’inizio di un’inversione di tendenza dopo i no, un mese e mezzo fa proprio di Francia e Olanda.

La situazione, in Europa, resta difficile. La crisi non è superata. Il Lussemburgo è il 13esimo stato membro a ratificare la costituzione. Due paesi, Belgio ed Estonia, provvederanno entro la fine dell’anno alla ratifica per via parlamentare e il sì sembra scontato. Ma sono ben 8 gli stati che hanno deciso di rinviare i referendum: Portogallo, Gran Bretagna, Irlanda, Danimarca, Finlandia, Svezia, Polonia e Repubblica Ceca. Aspettano di capire come tira il vento prima di imbarcarsi in consultazioni popolari che rischiano di destabilizzare, prima ancora dell’Unione, i governi nazionali.