ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

francia: cresce in maggio la produzione industriale

Lettura in corso:

francia: cresce in maggio la produzione industriale

Dimensioni di testo Aa Aa

L’economia francese è forse uscita dai gorghi, ma non ha ancora il vento in poppa: il comparto industriale in maggio è tornato a crescere, ma non abbastanza da incidere in modo consistente sulla crescita economica del paese, né sull’occupazione.Il dato tendenziale annuo resta negativo, seppur di poco: -0,2%. Ma è incoraggiante la crescita mensile registrata a maggio, un rimbalzo netto rispetto alla contrazione di aprile, marzo e ancor più febbraio. Resta da vedere se la crescita si consoliderà in giugno e soprattutto al rientro dalle vacanze, in settembre. La Francia ha sfiorato la recessione industriale, cioè la flessione per due trimestri consecutivi. Il settore manifatturiero (senza energia e agro-alimentare) è cresciuto dello 0,5%, mese su mese. Ed era già cresciuto di altrettanto in aprile. A perdere sono i beni di consumo: soprattutto stampa ed editoria, abbigliamento e anche il settore automobilistico, oltre all’agroalimentare. Parte della crisi è dovuta agli alti costi energetici, un’altra parte al valore eccessivo dell’euro, che ha sostanzialmente bloccato l’export. L’euro si è leggermente ridimensionato, il petrolio sembra destinato a fare altrettanto, e questo può dare buone prospettive per i prossimi mesi. In compenso, per ora, le prospettive restano pessime per l’occupazione: il tasso di disoccupazione francese, in maggio, è stabile al 10,2%, il livello più alto degli ultimi cinque anni.