ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

ABB: è di nuovo ristrutturazione, forte calo in Borsa

Lettura in corso:

ABB: è di nuovo ristrutturazione, forte calo in Borsa

Dimensioni di testo Aa Aa

ABB annuncia un piano di ristrutturazione e il taglio di circa 1.300 posti di lavoro: il gruppo elvetico-svedese taglierà la forza lavoro soprattutto nel settore della produzione di trasformatori, nel quale è leader mondiale. È la seconda volta in tre anni che il gruppo annuncia un piano di ristrutturazione: nel 2.002, furono tagliati 9.000 posti di lavoro. ABB ha un volume d’affari largamente superiore ai 17 miliardi di euro, ma ha costi operativi enormi, che nel 2004 hanno limitato i profitti a 460 milioni di euro, con un indebitamento pari a sette miliardi. I dipendenti, a fine 2004, erano oltre 102.500. Benché i licenziamenti non riguardino la Svizzera, nella casa-madre di Zurigo i sindacati protestano: “È una porcata – dice un rappresentante del personale -: la situazione è frutto di una pessima gestione da parte del management, e adesso dovrebbero pagare i lavoratori”. Il costo del piano di risanamento – circa 200 milioni di euro – impedirà ad ABB di rispettare le previsioni per il secondo trimestre e probabilmente per tutto l’anno in corso: notizia, questa, che ha fatto perdere quota al titolo. Meno 11% in mattinata, poi un parziale recupero e una chiusura con una flessione del 6,8%.