ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il presidente Usa rifiuta di dare date precise sul ritiro dall'Iraq

Lettura in corso:

Il presidente Usa rifiuta di dare date precise sul ritiro dall'Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Con il discorso alla nazione, nel primo anniversario del passaggio dei poteri in Iraq, il presidente Bush ha riproposto il legame tra il conflitto e gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001. Il Capo della Casa Bianca ha sottolineato soprattutto il pericolo di fissare scadenze precise per il ritiro delle truppe:“Qualcuno afferma che dovremo fissare una data per il ritiro delle nostre forze dall’Iraq. Sarebbe un grave errore. Fissare scadenze precise invierebbe un messaggio sbagliato agli Iracheni che devono invece sapere che gli Usa non se ne andranno finche’ il lavoro non sara’ completato. Manderebbe un messaggio sbagliato alle nostre truppe, che devono sapere che siamo seri sulla necessita’ di completare una missione per cui stanno rischiando le loro vite. Manderebbe un messaggio sbagliato al nemico, che dovrebbe solo aspettare la nostra partenza” Bush ha poi continuato: “ Il nemico potrà sconfiggerci se dimenticassimo la lezione dell’11 settembre, se dovessimo abbandonare l’Iaaq in mano a uomini come Zarqawi, o il futuro del Medio Oriente a personaggi come Ben Laden. Per il bene della nostra nazione non permettero’ che accada questo”

Ma il discorso di Fort Bragg, ha suscitato consensi misurati nella maggioranza repubblicana e critiche nell’opposizione democratica che lamenta la mancanza di strategie precise.