ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pessimismo tra gli Iraniani in esilio

Lettura in corso:

Pessimismo tra gli Iraniani in esilio

Dimensioni di testo Aa Aa

La vittoria dell’ultra conservatore Ahmedinajad allontana la possibilita’ di un rientro in patria. Neda e suo marito ex-militare hanno lasciato l’Iran 5 anni fa: “Sara’ una catastrofe – dichiara in questo reportage della tv belga – la pressione sulla popolazione creerá ancora piu’ povertá’. La gente subira’ ulteriori limitazioni. Per le donne la situazione sara’ piu’ dura di prima. Dovranno portare ancora di piu’ il velo, avranno meno libertá’. E’ finita per le donne”.

le restriyioni non saranno limitate solo alle donne. Secondo fonti locali sembra che anche gli uomini saranno obbligati a portare la barba e a coprire le braccia.Firuleh Nahavandi, sociologa iraniana e docente alla Libera Universita’ di Bruxelles, vive in esilio dal 1979: “Tutti i candidati che potevano presentarsi alle elezioni si sono presentati.Tutti con l’avallo del regime. Ora il paese perdera’ le poche liberta’conquistate sotto la presideza Khatami. Si perderanno anche quei pochi passi in direzione dell’evoluzione dei costumi.” Gli islamici moderati in Iran non si danno per vinti. Il candidato sconfitto Rafsanjani ha annunciato di voler formare un fronte comune per l’Islam moderato.