ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vittoria con l'amaro in bocca per i socialisti bulgari.

Lettura in corso:

Vittoria con l'amaro in bocca per i socialisti bulgari.

Dimensioni di testo Aa Aa

I risultati delle elezioni politiche svoltesi ieri sono ancora parziali ma gli eredi del partito comunista otterrebbero tra il 30% e il 32% dei voti distanziando di almeno dieci punti percentuali la formazione dell’ex re Simeone primo ministro uscente.

Un margine netto eppure non sufficiente a garantire al giovane leader socialista Serguei Stanischev la poltrona di capo del governo.All’orizzonte si profila una coalizione allargata al partito della minoranza turca e agli stessi centristi. L’ex re Simeone ha escluso la possibilità di entrare in un governo non guidato da lui ma i suoi colonnelli stanno pensando di riservargli un altro ruolo magari candidandolo alla presidenza e hanno già avviato le trattative con il partito di Stanischev. I socialisti in campagna elettorale hanno promesso nuovi posti di lavoro e il ritiro delle truppe dall’Iraq.Dopo l’ingresso nella Nato nel 2003 la Bulgaria spera di aderire all’Unione Europea nel 2007. I socialisti hanno promesso di proseguire sulla via delle riforme sollecitate da Bruxelles ed hanno garantito l’attuazione di una politica fiscale responsabile. Il voto ha pero’ confermato la crescita del partito euroscettico e xenofoboAtaka che sfiorerebbe l’8%.