ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alle presidenziali iraniane vince l'oltranzismo

Lettura in corso:

Alle presidenziali iraniane vince l'oltranzismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il candidato ultraconservatore Mahmoud Ahmadinejad ha sbaragliato l’ex presidente moderato Hashemi Rafsanjani. Quello che doveva essere un ballottaggio testa a testa, una lotta all’ultimo voto, si è trasformato in una vittoria schiacciante. A scrutinio quasi ultimato, Ahmadinejad si è aggiudicato il 62% delle preferenze. Rafsanjani ha superato appena il 35%.

A giocare contro l’ex presidente, 70 anni, di cui 26 passati ai vertici della repubblica islamica, anche la partecipazione: al secondo turno è stata del 56% contro il 63% primo. Il ministero dell’Interno, alcuni candidati esclusi dalla corsa alla presidenza e i sostenitori di Rafsanjani, denunciano brogli. Washington, che ha posto il paese tra quelli dell’ “asse del male”, ha già dichiarato che l’Iran è “sfasato rispetto alla tendenza alla libertà che anima la regione”. E proprio gli Usa sono i primi a preoccuparsi per la scelta di un capo di stato che predica il rigido rispetto dei valori islamici e l’intransigenza verso l’Occidente. Il presidente uscente, il riformista Khatami, sostenitore di Rafsanjani, ha dichiarato che non c‘è motivo di allarmarsi perché tutte le decisioni strategiche vengono prese in maniera collegiale ai piu’ alti livelli.