ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irlanda del Nord: prima incriminazione per la strage di Omagh

Lettura in corso:

Irlanda del Nord: prima incriminazione per la strage di Omagh

Dimensioni di testo Aa Aa

C‘è un imputato al processo per la strage più sanguinosa del conflitto nordirlandese. Oggi è stato formalmente incriminato Sean Gerard Hoey per l’attentato di Omagh, il 15 agosto del 1998, in cui vennero uccise 29 persone.

L’uomo (35 anni), elettricista di mestiere, è sinora l’unica persona incriminata. Gli sono stati contestati 61 capi d’accusa. Martedì prossimo verrà fissata la data d’inizio del processo. Oggi in tribunale, non lontano da Belfast, c’erano diversi parenti delle vittime. Un genitore ha detto: “È importante essere qui, vedere di persona come funziona il processo.” L’imputato si trova già in carcere in attesa di giudizio per possesso di esplosivi e appartenenza alla Vera Ira, l’organizzazione terroristica che si oppone al processo di pace in Irlanda del Nord. L’unica altra persona arrestata dalla polizia e coinvolta nell’attentato è stato l’irlandese Colm Murphy. Processato e condannato, ha ottenuto però lo scorso gennaio l’annullamento del processo. Verrà di nuovo giudicato. L’attentato di Omagh è stato rivendicato dalla Vera Ira: il gruppo dissidente dell’Esercito Repubblicano Irlandese resta determinato a reintegrare le sei contee dell’Ulster nella Repubblica d’Irlanda.