ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: i cristiano-democratici minacciano il feudo storico SPD

Lettura in corso:

Germania: i cristiano-democratici minacciano il feudo storico SPD

Dimensioni di testo Aa Aa

Domenica si vota nel Nord-Reno-Vestfalia, il più importante land tedesco, governato da 39 anni ininterrottamente dai socialdemocartici della Spd. Un voto che rappresenta il termometro dell’umore politico nazionale: l’esito delle urne in questo land non solo decide il governo regionale di Dusseldorf, ma anticipa anche le sorti di quello federale di Berlino.

Ma il premier dell’Spd Peer Steinbruck riscuote molta più simpatia della coalizione rosso-verde da lui capeggiata. Gli ultimi sondaggi danno per scontata la vittoria dell’opposizione: una volta sconfitti qui, ai socialdemocratici resterebbe solo la postazione federale di Berlino. Il Nord-Reno-Vestfalia, che ha 18 milioni di abitanti e 13,3 milioni di aventi diritto al voto, è stato nel dopo guerra il motore della ripresa tedesca. Ma negli ultimi vent’anni il declino delle accaierie e delle miniere di carbone ha capovolto la situazione: oggi ci sono un milione di disoccupati. Alta disoccupazione, debiti accumulati dal governo regionale e degrado del sistema educativo. Sono i temi in ballo. L’elettorato è desideroso di cambiare la coalizione Spd-Verdi, ma affezionato all’attuale premier. Juergen Ruettgers, sfidante cristiano-democratico, sarebbe al 43% contro il 36% dell’Spd. Una disfatta qui potrebbe essere fatale per il Cancelliere Schroeder alle legistlative del 2006.