ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Basta con gli sconti!

Lettura in corso:

Basta con gli sconti!

Dimensioni di testo Aa Aa

Polonia, Germania e Francia sono d’accordo: l’assegno che la Gran Bretagna riceve deve essere rivisto. Ogni anno Londra incassa un rimborso di circa 4 miliardi e mezzo di euro, la differenza tra quanto paga al budget comunitario e quanto ottiene dai sussidi europei.

Da Nancy il presidente francese ha lanciato l’attacco: “Abbiamo concluso che bisogna integrare diverse esidegenze per aver un finanziamemento piú equo del budget europeo- ha sottolieneato Jacques Chirac- e per un finanziamento piú equo bisogna ridiscutere il problema dell’assegno britannico” Al grido di “I want my money back”, era stata Margareth Tatcher ad ottenere un sostanzioso sconto. Ma nel 1984 l’Unione Europea era formata solo da dieci paesi. Oggi l’Unione allargata a venticinque ha maggiori necessità. Per far quadrare il cerchio, la presidenza lussemburghese ha proposto di congelare l’assegno britannico, che col crescere del budget europeo potrebbe raggiungere gli 8 miliardi di euro l’anno. Il primo ministro del Lussemburgo ha un obiettivo ambizioso: trovare un accordo entro giugno, per la gestione 2007-2013. Jean-Claude Junker propone di ridurre anche gli aiuti alle regioni e quelli per la competitività. Ma Londra replica: “l’assegno britannico non si tocca!”